Montevecchia come Giza?

Riporto un curioso articolo apparso sul bel blog “Brianzolitudine”, che ci svela un super scoop e – anche con un sorriso – ci da’ un motivo in più per tornare a visitare le belle zone intorno a Montevecchia.

Quando nel 2001 il professor Vincenzo Di Gregorio di Montevecchia scrisse sul proprio sito web che nel parco del Curone, a Montevecchia, era stata riportata su tre colline l’esatta copia delle piramidi di Giza (con medesima forma geometrica, angolazione e reciproco orientamento) scoppiò subito il finimondo: il server che ospitava il sito andò immediatamente in tilt, preso d’assalto da visitatori di tutto il mondo, con più di 20.000 accessi l’ora.
Questo scoop sulle piramidi di Giza in Brianza replicate non si sa come dall’originale in epoche remote, necessariamente con supporto visivo-progettuale dall’alto del cielo e quindi alieno, catapultò l’interesse di ufologi, amanti del mistero e compagnia cantante dalla piana dei faraoni al luogo più suggestivo ed antropicamente antico del Brianzashire: la valle del Curone giustappunto.
In questa zona di Brianza che conta i più antichi insediamenti umani della Lombardia (alla cascina Bagaggera sono stati ritrovati resti dell’uomo di Nehandertal, risalenti a 60.000 ani fa) è quasi certo che 5.000 anni fa si celebrassero riti collegati al ciclo delle costellazioni, simili a quelli celebrati dagli antichi Egizi. E da ciò supporre che qualche astronave, in quell’epoca primordiale della storia umana, sia atterrata per uno o più incontri ravvicinati del terzo tipo, il passo è davvero breve.

 

tre-piramidi-vista-prospett.jpg

 

La somiglianza indubbiamente colpisce. E’ soprattutto il rilievo aero-fotogrammetrico a lasciare stupiti: come nota il professor Di Gregorio, la disposizione pressoché rettilinea delle tre piramidi brianzole richiama esattamente la disposizione delle tre stelle centrali (la cosiddetta cintura) della costellazione di Orione, replicata nelle ben più celebri piramidi egizie della Piana di Giza, ovvero Cheope, Chefren e Micerino.
Le tre piramidi brianzole sono conformate a gradoni, come quelle sudamericane, ma che siano state fatte così per mere finalità agricole è da escludere, in quanto l’area collinare delle piramidi è sostanzialmente rocciosa e non per nulla denominata prati magri dalla amministrazione del parco del Curone.

 

ooooooooooooooooooee5.jpeg

 

3040ffd0b1684d21d185322647a1afb2.jpeg

 

L’ipotesi quindi è che tali piramidi, pur ricoperte da sabbia e terriccio povero nel corso dei millenni, siano costituite a livello sottostante da una realizzazione a gradoni in pietra: si tratterebbe quindi di strutture antropiche, artificiali, alte 50 metri ed evidentemente irrealizzabili con il contributo del lavoro di una sola persona.
Le piramidi brianzole sono poste su un asse obliquo da nord-ovest a sud-est, ruotate quindi di 90° in senso orario rispetto alle tre piramidi di Giza, ciò nonostante replicano in proporzione quasi stupefacente la posizione delle tre piramidi egizie e la disposizione siderale delle tre stelle della cintura di Orione: Alnitak, Alnilam e Mintaka.

 

0014-4.jpg

La prima piramide è quella a sud ed è la più frequentata dal turista di passaggio: è caratterizzata da uno spiazzo sulla sommità con una decina di cipressi innestati sul terreno, a pianta circolare. La seconda, quella centrale, è meglio conosciuta come Belvedere Cereda.
Tale piramide non è praticabile direttamente come la prima, ciò in quanto è proprietà privata e circondata da una palizzata in legno. In ogni caso, anche da lontano la vista di questo cumulo piramidale troppo regolare non può fare a meno di richiamare realizzazioni piramidali umane di altre parti del mondo, come la centro-sudamericana. Sulla sua sommità le prime investigazioni archeologiche hanno localizzato una costruzione risalente al 500 A.C., di probabile realizzazione celtica, avente probabili funzioni o di tipo religioso o di osservatorio astronomico.
L’identificazione della terza, più a nord est, è invece meno facile, in quanto ricoperta di bosco di carpini e querce: il rilievo aereo tuttavia consente di posizionare e qualificare questa terza realizzazione piramidale con maggiore precisione e certezza. Va detto che, a differenza delle piramidi egizie, costruite partendo da zero con il contributo del lavoro di secoli di migliaia di scavi grazie all’apporto di enormi pietre, in questo caso le piramidi sarebbero state realizzate partendo da nucleo di pietra già esistente, ed asportando il materiale pietroso in eccesso. Come si è detto la zona del Parco del Curone, è – con la Valcamonica – il sito archeologico più antico dell’intera Lombardia. Il professor Di Gregorio ha ipotizzato una datazione relativa, indicando un periodo compreso tra i 4000 e i 5000 anni fa Alcune scoperte ipotizzano l’ingresso nella pianura padana, nel 4500 a.C. di popolazioni provenienti dalla regione anatolica, giungendo in Brianza intorno al 4000 a.C. E proprio in quel periodo storicamente buio gli incontri ravvicinati con forme di vita aliene potrebbero essersi svolti con regolarità, lasciando come testimonianza questo alacre lavoro di scavo piramidale da parte dei primi abitatori della Brianza County.

 

piramide-1bis.jpg

 

uuuuuuuuuuuuuuu1.jpg

Crederci, non crederci, che dire? Io sospendo il giudizio, fatevi una vostra idea più precisa cercando nel web “Piramidi Curone” e leggendovi con calma tutto il macello che salta fuori.

Annunci

12 pensieri su “Montevecchia come Giza?

  1. L’ipotesi di Di Gregorio è ormai datata, sono passati otto anni. Nessuno, almeno ch’io sappia, ha ripreso la vicenda.
    Infondo, va bene così, teniamocelo come prolifico dubbio che possa rendere più affascinanti le nostre prossime escursioni in loco.

    Saluti a Josè

  2. Le piramidi giacciono su una linea sincronica importante (Ley Line) e sono occultate per questo motivo.
    Le ley line sono i “nervi” della Terra e sono ricchissime di energia a frequenze (volutamente) sconosciute.
    La chiesa che sorge sulla piramide maggiore sfrutta la leyline per convertire l’energia in “segnali” radio che influenzano le menti.
    Tutti i campanili sono infatti delle antenne.

    Le piramidi e le ley lines sono (erano) punti di connessione della Terra con l’Universo.
    Oggi siamo di fatto tagliati fuori da questa “rete” universale, volutamente.
    La gente crede in un dio mai visto, ma non crede a intelligenze non terrestri.
    E’ un paradosso.

  3. Salve Itajos,
    interessante analisi la tua, soprattutto nelle sue evidenze pratiche coincide con conclusioni medesime a quelle a cui giungo io, percorrendo strade diverse.
    Se ti va vorrei che spiegassi meglio questa teoria delle “Ley Line” o nervi della Terra.

    Cari saluti

    Alfio

  4. Sono stato sul posto piu’ volte ed ho raccolto materiale video-fotografico che avvarebbe la tesi dell’arch. Di Gregorio. Sotto 2 metri di terra c’è sicuramente qualcosa che riemerge a tratti per tutte e 3 le piramidi. Ho trovato una costruzione nei pressi della sommita’ della terza piramide (lato del pascolo dei cavalli) simile alla seconda ma sepolta per il 90%; devo cmq arrivare ancora in cima facendomi strata tra i rovi….

  5. caspita,sono sicuro che ci sia sotto qualcosa.io ho sempre vissuto a olgiate molgora,lì a due passi,e in effetti mi sono sempre sembrate particolari,quelle tre cime che spuntano in mezzo al piano,ma non avevo mai pensato a qualcosa di antropico.il discorso che fate secondo cui la teoria sia stata insabbiata è plausibile se si pensa che la stessa cosa è avvenuta per le 5 piramidi ritrovate in bosnia,ancora più grandi e antiche di quelle egiziane.a questo punto è evidente che c’è qualcuno (o qualcosa) che preferirebbe che non venissero alla luce tutte le informazioni.allora cosa aspettiamo a scavare?

  6. Ecco svelato l’arcano!
    Gli australiani non stanno cercando il petrolio, in realtà stanno cercando le tombe perdute della dinastia Brambillàmon – Ra!

    A breve il disotterramento della mummia di Brambillàmen VI !!!!!!

  7. Non c’è nulla lì sotto. Sono colline naturali modellate dall’uomo. Ci facevano riti pagani. Sulla principale, al suolo, giace una sorta di menhir. Ma non aspettatevi camere sotterranee, sareste delusi!

  8. Ciò che penso itajos volesse dire è che il reticolo di ley lines (linee sincroniche in italiano) è una specie di “sistema nervoso” del pianeta Terra.
    Si trovano alcuni libri che ne parlano, in relazioni a luoghi come Stonehenge in UK, e simili.
    Le piramidi di Montevecchia sembrano orientate verso le possibili piramidi che credo giacciano sotto “Begamo Alta”, osservando dal basso si nota chiaramente la struttura simile.

    Io penso (ma dentro di me ne sono certo!) che inserire templi, luoghi di culti, simboli di un certo tipo lungo punti chiave del sistema di linee energetiche della terra, possa influenzare il pensiero di chi vive sulla terra.
    Questo perchè i nostri chakra (punti chiave dellìanima) sono collegati per forza alla Terra visto che ci viviamo (in particolare credo sia il primo chakra, il chakra di base, a farlo).
    Quindi se viene inserita un’idea nel “sistema nervoso Terra” le persone che ci vivono la sentiranno presente nel loro inconscio.
    E’ un po’ come fare un’ “agopuntura” alla terra impiantando migliaia di chiese, tutte collegate fra loro, che dicono alla gente “pensa Cristiano” e tutti (o per lo meno, i più deboli) lo fanno quasi senza saperlo.

    Questo spiegherebbe anche i cerchi nel grano (che guardacaso si sono verificati sotto Montevecchia) che – secondo me- sarebbero una sorta di “carattere” o simbolo inviato da altri pianeti, per influenzare il pensiero della Terra. Un po’ come se qualcuno dall’alto schiacciasse un tasto su una tastiera lontana, con tecnologie a noi superiori, per “fare” qualcosa.
    Forse gli Antichi Dei che rivorrebbero le loro Piramidi ??

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...