La credibilità del parco


Rinnovo anche oggi l’invito a scrivere al presidente del Parco della Valle del Lambro e ai principali media locali per evitare la cementificazione di 300.000 metri quadri entro i confini del parco. Il prossimo consiglio di amministrazione sarà martedì, in quella sede verrà discussa la proposta: abbiamo tempo fino a quel giorno per far sentire la nostra voce.

Quel che mi preme sottolineare è che non c’è solo in gioco il destino di un’area verde, ma la credibilità dei parchi intesi come istituzioni che tutelano l’ambiente naturale: ad un ente parco cittadini e amministratori chiedono di salvaguardare e promuovere le aree agricole e naturali del proprio territorio, proteggendole da scelte urbanistiche incaute. Perché il parco assolva a tale duplice ruolo si spendono soldi pubblici, e non pochi.

Mi chiedo allora: come uscirà da una vicenda simile quell’ente che avvalla operazioni del tutto contrastanti con i principi stessi che lo legittimano? Come, quell’ente che drena risorse dei comuni (e quindi dei cittadini) per attuare progetti di salvaguardia e valorizzazione e chiude gli occhi davanti a un tale affronto?  Da ultimo, che idea di parco c’è dietro a un consiglio di amministrazione che consente lo scempio?


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...