Invictus, forse troppo.


Invictus è un bel film, innegabile. Specie se si pensa che a girarlo è uno splendido ottantenne. Però, è troppo: in certi passaggi è troppo. Troppo che? Non saprei dire con precisione. Mancano le sfumature. E’ un film di messaggio, e ok. Un necessario messaggio, e va bene. Ma manca qualcosa, nello sviluppo delle vicende, nel tratteggio dei personaggi e nella rappresentazione dei problemi. E poi ad un certo punto – perdonate l’irriverenza – ho rivisto la pubblicità dei Ringo; quella del 1988, per dire. Ho tentato di resistere, ma l’ho vista.

Troppo, insomma.
Andate a cercarlo, in ogni caso, vi aiuterà a riflettere sul concetto di statura morale, sul valore della volontà e sui tempi che corrono.


ps. Morgan Freeman, invece, è sempre lui. Inarrivabile. Questa pellicola, a dirla tutta, l’ha voluta più lui del buon vecchio Clint e forse nel risultato si avverte.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...