Gli effetti della riforma scolastica

Dal prossimo anno si faranno sentire concretamente, andando a toccare le tasche di tutte le famiglie che mandano un figlio a  scuola e vogliono continuare ad avere lo stesso servizio di prima. Ne parlavamo solo qualche giorno fà.
Qui, a Casatenovo, il prossimo anno scolastico sia scuola elementare che scuola media, per mancanza di docenti, non avranno la possibilità di coprire tutti i pomeriggi scolastici solitamente programmati. Questo significherà per le famiglie dover risolvere un problema di custodia dei figli. Nella maggior parte dei casi, infatti, la scelta della scuola e del modello orario da parte dei genitori avviene in funzione della possibilità di essere presenti a casa quando i figli tornano da scuola. A rimanere ‘scoperti’, nel nostro caso, sarebbero 1 pomeriggio su 5 in due plessi della scuola primaria con l’interessamento di 80 bambini su 500 e 2 pomeriggi su 3 per la scuola media con l’interessamento di 230 ragazzi su 300. Negli scorsi giorni scuola, assessorato all’istruzione e rappresentanti dei genitori hanno provato a prefigurare delle soluzioni.
Mi chiedo per quanto dal basso sarà possibile (e corretto) proseguire a mettere pezze sugli affondi del ministero nei riguardi del più prezioso tra i servizi primari.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...