Varenna fisica festival

Ieri sono stato al Varenna fisica festival, così, perché mi è sembrata, alla sua presentazione, una rassegna nuova e interessante. Ci volevo andare da qualche giorno e alla fine ho scelto questo evento qui, di interesse per me, a livello personale e professionale.
Si è trattato di un dibattito – o convegno, come dir si voglia – dal titolo: “Energia nucleare, risorsa o minaccia per l’umanità?”.
Come è andata? A parte che il sottotitolo parlava di nuovi scenari energetici per l’Italia dopo il no referendario al nucleare e non se ne è fatto che cenno, quel che non mi è piaciuto è l’impostazione faziosa con cui l’evento è stato costruito.
Partiamo dal titolo: il titolo mi è parso un poco estremo, un po’ forzato, per un convegno che si presenta di livello scientifico. ‘Risorsa’, bello, pulito, utile, imprenditoriale, che fa molto economy, opposto a ‘Minaccia per l’umanità’ come a voler schernire il povero cittadino preoccupato, l’ambientalista incompetente e allarmista di turno, il catastrofista senza ritegno né speranza. La butto lì: forse era meglio un titolo più morbido come: ‘Nucleare: un costo sostenibile per l’umanità?‘, o qualcosa del genere, insomma, di un filino più equo, opportuno. Detto questo, mi ha lasciato abbastanza perplesso anche la composizione del corpo di relatori scelti dall’organizzazione: due tecnici e un moderatore provenienti dal mondo della ricerca nucleare – per loro stessa ammissione, pronucleare anche in occasione referendaria – e una signora, presidente di un’associazione ambientalista e senza titoli specifici, chiamata a sottolineare gli aspetti negativi dell’epopea nucleare. Insomma, non era forse più opportuno lasciar confrontare tecnici con visioni opposte (si sono e sono tanti) sul piano scientifico e, semmai, in altra sede, fare un dibattito per così dire ‘politico’ con altri ospiti dal mondo delle associazioni, dei partiti, ec.
Il dibattito, così combinato, ha finito per riassumersi in un intervento di Ricotti sul disastro di Fukushima – intervento  teso a ridurre la portata della catastrofe e a dire che gli italiani al referendum hanno votato sulla base dell’emozione -, un secondo intervento ad opera del presidente degli Amici della Terra, Rosa Filippini, secondo la quale il nucleare è tecnologia troppo poco sicura per essere usata nel nostro futuro, e infine una relazione, meramente tecnica, del Prof. Lontano incentrata sulla spiegazione dei processi di fissione e fusione nucleare anche alla luce delle nuove tecnologie in materia.
Del futuro energetico di questo paese, quello che passa non solo per la tecnologia, ma anche per scelte di carattere economico e strategico, neanche traccia, solo il solito siparietto pro e contro nucleare, recitato peraltro sul palco più sbagliato: quello della sicurezza della tecnologia. Come a dire che quelli calmi e tranquilli, che propinano la tecnologia buona che ci darà una mano, sono gli scienziati che parlano attraverso numeri ed esperimenti e quindi attraverso la verità della scienza e gli altri dei mistificatori paurosi e contro il progresso, che parlano sulla base delle loro personali emozioni. Un teatrino già organizzato tante, troppe volte e a dirla tutta poco onesto e un bel po’ stucchevole. Un dibattito che non ha detto niente di nuovo e non ha dato nessuna mano a capire il futuro.
Così, ci tenevo a dirvelo. E tengo anche a dire che questo non pregiudica la qualità del resto della rassegna, ci mancherebbe.

Annunci

Un pensiero su “Varenna fisica festival

  1. Sono assolutamente d’accordo con la tua analisi. E’ stato parecchio deludente. Mi aspettavo dei dati e un dibattito costruttivo su cio’ che ci prospetta il futuro energetico e invece…niente di niente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...