L’adolescenza è un’invenzione

Domenica ascoltavo Lana Del Rey che voi magari non lo sapete, ma è una cantante che, di questi tempi, piace molto a chi è ancora minorenne. Ascoltavo una delle sue canzoni, un brano molto naif che gioca tutto sulle sensazioni (un po’ assolute, e quindi giovani) di qualcosa che è andato perduto:  una stagione lasciata, un momento di splendore che è passato e che non brillerà una volta di più, una qualche lontananza. Eccola con poche note e parole circoscrivere la vicenda: un amore estivo che si spegne e brucia, si lascia lento all’arrivo dell’autunno come un tramonto, una sera d’estate che smorza nel viola di un orizzonte di mare. Ascoltavo quella canzone e pensavo che l’adolescenza è un’invenzione, un’etichetta di riparo, una difesa d’ufficio che  serve agli “adulti”. Ascoltavo e pensavo che quella lì sarebbe  additata all’unanimità come una canzone per ragazzine; ma additare è solo un gioco di specchi che serve a salvarci la (finta) faccia, per non finire smascherati, per sopire l’adolescenza che ci rimane appiccicata, per dissimulare il barbaro che è in noi. Quella canzone dice qualcosa e lo dice anche se non abbiamo perduto un amore in estate, anche se è stata per noi un’estate splendente (o proprio perché è stata, per noi, un’estate splendente). Può colpire chiunque perché parla di qualcosa di più grande di noi, con il linguaggio dell’immediatezza. Dice del senso di perdita,  una di quelle robe con cui abbiamo a che fare per tutta la vita e che segna le tracce che lasciamo alle nostre spalle sulla battigia degli anni: se non ci fosse sarebbe grave, ché non sentiremmo il tempo, non gli daremmo peso. L’adolescenza è un inganno. E’ un inutile proteggerci con  espedienti linguistici dalla giovane sincerità degli ascoltatori di canzoni pop, dal lusso di potersi indossare ancora un sentimento. E vi ho detto tutto questo a partire da Lana Del Rey, accidenti.

Advertisements

Un pensiero su “L’adolescenza è un’invenzione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...