Pensiero per Natale

«A volte mi sentivo davvero un estraneo. Non sopportavo la banalità delle chiacchiere, la stereotipa cortesia della gente e quella elettronica delle voci computerizzate al telefono. Non sopportavo i due chili di inserti pubblicitari che dovevo buttar via dalla edizione domenicale del New York Times e l’invito standard di tutti i camerieri in tutti i ristoranti e in tutte le caffetterie a “Enjoy it”, a godere, qualunque cosa fosse quell’it. Sotto Natale alla normale cacofonia della città si aggiunse il suono della banale canzoncina ‘Jingle Bells’: per le strade, nei negozi, negli ascensori.
Dopo una lunga camminata ero entrato in una libreria, ma non riuscii a starci che pochi minuti. Jingle Bells mi perseguitava. Insopportabile, ossessivo. Uscii di corsa e, sul marciapiede, c’era un uomo infreddolito, che, appena riparato da un telo di plastica appeso al suo barroccino, vendeva hot dog.
– “Dov’è la prossima stazione della metropolitana?” gli chiesi.
– “Alla fine di questo blocco, a sinistra.”
Dall’accento capii che era uno di quei miei cari ebrei russi coi quali anni prima, scrivendo ‘Buonanotte signor Lenin’, avevo tanto discusso e riso e bevuto té nell’Asia centrale.
– “Spassiba”, risposi.
Mi guardò come se fossi un’apparizione. Con un calore che non avevo sentito in tutta la giornata, quasi titubante, ribatté:
– “Pagialsta”.
E, come rincuorati da un qualche riconoscerci, col sorriso sulle labbra, continuammo le nostre ugualmente strane vite in quel campo profughi, quella fornace umana, quel porto di salvezza, quel gulag dell’ottimo cibo che per tutti e due era New York.»

Tiziano Terzani – Un altro giro di giostra

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...